800 020 346

Soprattutto in questo momento storico in cui è fortemente richiesto di restare in casa, trascorriamo buona parte della nostra giornata in ambienti chiusi. Tra casa e lavoro, si stima che una persona trascorra circa il 90% del proprio tempo indoor. Vi siete però mai chiesti quanto è inquinato l'ambiente in cui trascorrete il tempo?

Fin da piccoli abbiamo sentito parlare di inquinamento atmosferico, buco nell'ozono, anidride carbonica e dell'importanza di azioni finalizzate al risparmio energetico, ora però un nuovo tipo di inquinamento ha iniziato a far parlare di sé: l'inquinamento indoor, ovvero la qualità dell'aria che si trova negli ambienti chiusi.

Tutti noi siamo portati a pensare a casa nostra o al nostro ufficio come un posto sicuro, sano, confortevole e quindi adatto al vivere quotidiano. Spesso però tutto ciò che costituisce questi ambienti rischia di essere un contenitore di agenti inquinanti che sono severamente pericolosi per la salute degli occupanti. Misure effettuate in edifici del Nord Italia hanno evidenziato che all’interno delle abitazioni è presente una concentrazione di inquinanti mediamente 10 volte più alta di quella esterna.

Un problema da non sottovalutare, che, stando alle ultime stime dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, provoca ben 4,3 milioni di morti ogni anno in tutto il mondo.

Quali sono i parametri per una valutazione accurata?

 

Il PM (Particulate Matter) è l'inquinante che oggi è considerato di maggiore impatto nelle aree urbane, ed è composto da tutte quelle particelle solide e liquide disperse nell'atmosfera, il PM 2.5 indica quindi la presenza di polveri sottili.

Il particolato ha effetti diversi sulla salute umana ed animale a seconda dell'origine. Tra i disturbi attribuiti al particolato fine e ultrafine (PM10 e soprattutto PM2,5) vi sono patologie acute e croniche a carico dell'apparato respiratorio come asma, bronchiti, enfisema, allergia, tumori e patologie a carico dell’apparato cardio-circolatorio.

I VOC (Volatile Organic Compounds) sono composti chimici di vario genere, formati da molecole di differente natura, ma tutte caratterizzate dalla volatilità, cioè dalla capacità di evaporare facilmente nell’aria a temperatura ambiente. Un’esposizione questi composti può causare nel breve periodo mal di testa, affaticamento, irritazioni degli occhi, irritazioni delle mucose e reazioni allergiche. Nel lungo periodo invece possono arrivare a danneggiare il fegato, i reni ed il sistema nervoso centrale.

Leggi anche: L'alta qualità dell'aria incrementa del 61% le prestazioni lavorative

Il livello di CO2. La CO2 (anidride carbonica o biossido di carbonio) è un gas inerte, inodore ed incolore, naturalmente presente in atmosfera. Poiché gli esseri umani producono ed espirano CO2, le concentrazioni di questo gas negli spazi indoor occupati sono superiori alle concentrazioni all’esterno. Livelli troppo alti di CO2  possono causare disturbi della sonnolenza, mal di testa, difficoltà di concentrazione e nausea.

Il livello di intensità acustica. L’inquinamento sonoro è spesso sottovalutato e molte persone non sono in grado di distinguere le situazioni pericolose per il proprio udito. Le statistiche dicono che 125 milioni di europei sono esposti a livelli di rumore eccessivi. I sintomi immediati di un trauma acustico sono senso di ottundimento auricolare, ronzii o fischi nelle orecchie e diminuzione temporanea dell'udito. I danni permanenti invece sono una diminuzione dell'udito specie sulle frequenze acute e un  fischio permanente che senz’altro comporta un disagio importante.

Esistono dispositivi per il monitoraggio?

 

Multisensore 9in1

La risposta è assolutamente si. Da poco tempo abbiamo presentato un nuovo prodotto capace di misuare e monitorare il livello di inquinamento indoor, aiutandoti ad attuare azioni di miglioramento della qualità dell'aria.
Il sensore qualità ambiente 9 in 1 MyVirtuoso Home è un dispositivo che ti permette di monitorare la qualità dell’aria nella tua abitazione, negli uffici e in tutti gli edifici in cui trascorri la maggior parte della giornata. È in grado di tener traccia dei livelli di temperatura, CO2, inquinamento sonoro, intensità della luce, umidità, composti organici volatili, particolato, presenza di persone e di fumo.

Per saperne di più scarica il manuale del dispositivo e la scheda tecnica.

Iscriviti alla newsletter

per ricevere sconti, promozioni e informazioni sugli ultimi progetti