800 020 346

Dopo la proroga applicata grazie al decreto "Milleproroghe 2017", che aveva spostato i termini per l’installazione dei sistemi di contabilizzazione e termoregolazione del calore negli edifici condominiali e polifunzionali al 30 giugno, l'obbligo è in vigore a tutti gli effetti, con il rischio di multe molto salate per i trasgressori.

 Sono infatti previsti controlli a tappeto, con sanzioni per tutti coloro che non si sono attrezzati in tempo: le multe da pagare variano da 500 a 2500 euro per ogni unità immobiliare.

Ricordiamo, che il dlgs 102/2014 (decreto efficienza energetica) imponeva l’obbligo di adeguamento entro il 31 dicembre 2016, (prorogato appunto al 30 giugno 2017), per tutti i condomini con riscaldamento centralizzato l’installazione di:

  • valvole termostatiche
  • contabilizzatori di calore
  • dispositivi di termoregolazione

È bene ricordare che gli interventi potrebbero richiedere anche qualche settimana: per eseguire i lavori, infatti, gli impianti devono rimanere spenti da un minimo di una fino a un massimo di tre settimane, per permettere gli adeguamenti di tutti gli appartamenti e apparati del condominio. Questa potrebbe essere anche l'occasione per analizzare l’efficienza dell'intero edificio: infatti, installare i contabilizzatori e le valvole non risolve la possibile inefficienza di una caldaia vecchia o le dispersioni di calore dal tetto, dalle facciate o dalle finestre.

Questo tipo di intervento, oltre ad essere obbligatorio, ha come obiettivo il risparmio energetico (si calcola in media un risparmio del 20% per nucleo familiare): questo permette di godere delle agevolazioni fiscali.

L’Agenzia delle Entrate ha precisato che è possibile usufruire della detrazione:

  • pari al 50% se i dispositivi sono installati senza che sia sostituito, integralmente o parzialmente, l’impianto di climatizzazione invernale;
  • pari al 65% se l'intervento viene effettuato in concomitanza con la sostituzione, integrale o parziale, di impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti dotati di caldaie a condensazione – e contestuale messa a punto del sistema di distribuzione – ovvero con pompe di calore ad alta efficienza o con impianti geotermici a bassa entalpia.
fShare
1